Panoramica sulla tecnologia di clustering

Il clustering è sempre stata una tecnica molto utile per attirare traffico, e se portata all'estremo, l'effetto di attrazione è assolutamente sorprendente. Sia nel campo del cappello nero che in quello del cappello bianco, la tecnologia di clustering è sempre stata molto stimata.

Tuttavia, non tutte le persone dispongono dei fondi e dell'esperienza necessaria per gestire il clustering. Per molti SEOer, la gestione del clustering rappresenta un ostacolo piuttosto elevato, poiché la maggior parte degli specialisti dell'ottimizzazione SEO proviene da radici umili e sono riluttanti a correre tali rischi.

Sviluppo della tecnologia di clustering

In passato, la tecnologia di clustering a catena si basava fondamentalmente sul passaggio del peso tra i siti per infine concentrare il peso sul sito principale, migliorando il peso e il posizionamento delle parole chiave del sito principale e dei sotto-siti. Tuttavia, con l'aggiornamento continuo degli algoritmi dei motori di ricerca, la tecnologia di clustering a catena non è più efficace ed è facilmente punita. Pertanto, il modello di clustering attuale ha abbandonato la tecnologia di clustering a catena.

Il clustering PBN (anche noto come Network di Blog Privati) è una tecnologia di clustering relativamente nuova degli ultimi anni, il cui metodo di funzionamento è diverso da quello a catena. Ogni sito è un blog indipendente con un IP autonomo e un nome di dominio registrato da persone diverse. L'operazione PBN è relativamente più sicura.

Ruolo del clustering

La tecnologia del clustering di siti può ottenere l'effetto di dominio delle parole chiave, consentendo una vasta esposizione del posizionamento delle parole chiave. Anche se la tecnologia del clustering di siti può generare traffico a breve termine, per le imprese, il clustering di siti con tecniche discutibili non è consigliabile. Le imprese dovrebbero piuttosto considerare strategie di promozione a lungo termine e stabili.

Strategia di attrazione del clustering di siti

Il white hat SEO utilizza il clustering di siti per l'attrazione, in modo diverso dalle tecniche di clustering di siti black hat e grey hat. Prendiamo ad esempio l'industria della franchising alimentare, attraverso l'ottimizzazione della costruzione di numerosi siti dei competitor (siti di marchi concorrenti), per acquisire traffico ed aumentare il posizionamento.

Nell'attrazione del clustering di siti nell'industria alimentare, non sono necessari server multipli con multipli IP, basta un server con grande memoria e larghezza di banda e poi costruire il maggior numero possibile di siti web. Ogni sito, a parte il fornitore di servizi, non stabilisce relazioni di scambio di link amichevoli.

Attraverso la strategia di promozione dei siti contraffatti dei competitor, è possibile aumentare la fiducia degli utenti per l'attrazione. Ottimizzare le parole chiave dei siti dei competitor può generare traffico, conseguendo così gli obiettivi di promozione.

Conclusioni

La tecnica di guadagno tramite la gestione di un cluster di siti web è un efficace mezzo di promozione online, richiede una comprensione approfondita delle esigenze del settore e della psicologia dei clienti. Gli specialisti di SEO etici non dovrebbero essere eccessivamente concentrati sulla metodologia tecnica, ma dovrebbero considerare il cluster di siti come una strategia di promozione da attuare.

In generale, l'approccio di guadagno tramite cluster di siti è un metodo di promozione online molto popolare e di successo. Per gli operatori di ottimizzazione SEO etici, è fondamentale comprendere e analizzare il settore, capire le esigenze di mercato e la psicologia dei clienti.